CONTRIBUTI

“ex Cementifera”, Robbiate, Lecco – Italy

Il progetto – urbanistico, architettonico e paesaggistico – si configura quale vero e proprio recupero ambientale dell’area prima occupata dall’edificio industriale dell’ex cementificio e dall’ex cava del Monte Robbio, all’interno del Parco Regionale dell’Adda Nord.

Il progetto paesaggistico si è sviluppato in modo integrato alla progettazione urbanistica ed architettonica, così da definire un unico linguaggio progettuale. Si sono quindi potuti affrontare efficacemente temi anche differenti e complessi, quali la memoria storica, l’architettura, il paesaggio e l’ambiente, il Monte Robbio, il Parco e il fiume, la ex cava, l’area urbana, i percorsi, le funzioni.

La disposizione del costruito, concentrato in due fasce parallele, ha permesso di trattare a verde la restante, vasta, superficie. L’asse che si configura tra questi due elementi è stato pensato quale piazza lineare, strumento fisico e percettivo di collegamento tra l’urbano e l’ex luogo di cava. Il progetto cerca di stabilire una relazione tra l’edificato ed il paesaggio, tra il centro storico ed il monte, superando la barriera dell’ex area industriale e riconquistando il colle alla comunità.

Il recupero della struttura paesistica è avvenuto attraverso tre elementi caratterizzanti: i terrazzamenti, i collegamenti, l’area di cava.

Il tema dei terrazzamenti riprende le forme tradizionali di sfruttamento agricolo del Monte. Accompagnato all’uso di filari alberati, il complesso dei gradonamenti ripropone, con nuove funzioni, il paesaggio dei vigneti/frutteti terrazzati, oltre a consentire l’uso, sia pubblico che privato, delle ripide scarpate altrimenti inaccessibili. Invece delle tradizionali colture agricole, le terrazze sono state trattate a piazze e giardini, con abbondante uso di specie erbacee ed arbustive tappezzanti.

Il sistema della viabilità è inserito efficacemente nel nuovo paesaggio attraverso la sovrapposizione del percorso alla trama urbana e all’edificato. La strada instaura  un dialogo con il paesaggio esistente attraverso l’uso della vegetazione,  che definisce una netta separazione tra percorsi carrabili e pedonali, dando la predominanza a questi ultimi.

Il progetto, così configurato, giunge alla definizione di un  sistema paesistico particolarmente articolato, sia dal punto di vista funzionale che formale (terrazzamenti, alberature, giardini, piazze, parcheggi, percorsi), capace di dare a questo luogo rinnovato, il valore di cerniera tra paesaggio urbano, ambiti agricoli ed aree naturali.

 

Con: Abak architettingegneri (edifici e co-progettazione urbanistica)

Luca Baroni

luca.baroni@in-situ.it

www.linkedin.com/in/lucabaroni/

 

Sezione Territoriale
Campania Basilicata Calabria

Tipologia
Socio Ordinario

X
- Enter Your Location -
- or -