plan cul gratuit - plan cul bordeaux - voyance gratuite en direct

COLLABORAZIONI/CONVENZIONI

Giardini e Paesaggi aperti 2020

Ogni anno nel mese di Aprile, mese del Paesaggio IFLA (International Federation of Landscape Architects) AIAPP organizza diversi eventi, in tutto il territorio italiano, focalizzati su un tema scelto annualmente. Quest’anno il tema è “Sfide Climatiche – Climate Challenges“.

Per maggiori informazioni continua a leggere il Comunicato Stampa

Puoi cercare gli eventi di Giardini e Paesaggi Aperti nella homepage di AIAPP grazie alla Mappa Interattiva

Di seguito gli appuntamenti con le nostre Sezioni

Vista l’emergenza sanitaria nazionale, e i conseguenti decreti governativi, gli eventi di “Giardini e Paesaggi Aperti” sono rimandati a settembre. Vi terremo aggiornati su giorni e orari non appena sarà possibile.

 

SEZIONE: PIEMONTE E VALLE D’AOSTA

EVENTO: Arte e cambiamenti climatici nel lago di Avigliana – Convegno e Assemblea AIAPP

Incontro presso Comune di Avigliana, piazza Conte Rosso 7, Avigliana /TO)

Il varo di un’opera d’arte galleggiante e che fa della quarta dimensione, lo scorrere del tempo, un variabile affascinante, è l’occasione per una discussione e divulgazione dei temi dell’adattamento ai cambiamenti climatici e il loro contrasto, anche in ottemperanza dei diciassette goals dell’ONU. La giornata si organizzerà con un’Assemblea della Sezione AIAPP, un convegno relativo ai cambiamenti climatici, la presentazione del progetto di un parco intorno al lago, la presentazione del progetto dell’opera d’arte che sarà varata a maggio, con un’escursione nei luoghi.

EVENTO: Visita Villa Sassi – Il parco storico come rifugio climatico

Ritrovo presso strada al Traforo del Pino 47, Torino (TO)

Residenza storica seicentesca, frequentata nel tempo dai nobili e intellettuali torinesi e piemontesi, fra cui anche il Conte Cavour. Divenuta oggi un punto importante nel sistema dell’ospitalità del capoluogo piemontese, si situa all’interno di un parco recentemente riqualificato, in cui spicca un esemplare maestoso di Cedrus libani che con altri esemplari secolari ha permesso di riconoscere tutto il sistema del parco fra i cento più belli d’Italia. Per la sua posizione così prossima alla citta di Torino, assume un carattere importante per l’ecosostema della collina torinese e si costituisce come potenziale rifugio climatico.

EVENTO: Il Parco del Fantastico – Trasformare la città

Ritrovo presso il giardino di via Reisss Romoli 49/bis, Torino (TO)

Nella periferia nord di Torino ha trovato posto un Museo davvvero fantastico, il MUFANT, che significa appunto Museo del Fantastico e della Fantascienza, dove ritrovare le narrative della fantascienza ‘classica’, i fumetti anche della fastasia e del fantastico, ma anche testi relativamente poco conosciuti di scrittori quali Primo Levi. Nell’intorno un’area, nata come parcheggio, si sta progressivamente trasformando in un parco del fantastico, dove sagome di personaggi famosissimi per intere generazioni della fumettistica giapponese o della filmografia della fantascienza popolano i luoghi, dove accorgimenti sul trattamento delle pavimentazioni deimpermeabilizzeranno il suolo aderenodo a soluzioni di mitigazione climatica

 

SEZIONE: LIGURIA

EVENTO: Visita alla Foresta del Lerone – Parco naturale Regionale del Beigua 

Arenzano – Cogoleto (Genova)

Estesa per quasi 1700 ettari nei Comuni di Arenzano e Cogoleto, è caratterizzata da estesi boschi di conifere degradanti alle quote superiori verso praterie montane con cospicua presenza di rocce verdi affioranti che conferiscono al paesaggio un aspetto selvaggio non dissimile da quello riscontrabile nelle praterie alpine. La foresta regionale Lerone è  parte integrante della Zona di Protezione Speciale/SIC Beigua – Turchino e della Zona Speciale di Conservazione Beigua – M.te Dente – Gargassa – Pavaglione. Il Parco del Beigua è un Global Geopark UNESCO ed è uno dei punti in cui la catena alpina si avvicina di più al mare: la particolare vicinanza del parco alla linea di costa determina specificità paesaggistiche di grande interesse tra cui il conflitto con le aree industriali e di servizi dei comuni sottostanti (in particolare Cogoleto, Arenzano e Genova). Ciò rende il parco un importante produttore di benefici ecologici e paesaggistici per la costa densamente urbanizzata e ad elevato interesse economico. Le modalità di recupero di foreste degradate, di ricucitura  del paesaggio storico e della rete di infrastrutture per la fruizione del territorio del parco sono oggetto della visita di studio insieme allo staff del parco ed ai Soci della Sez.Liguria.

Appuntamento ore 10 presso punto Coop di Arenzano sulla via Aurelia a circa 400 dall’uscita del casello A10 di Arenzano in direzione del centro. Numero max partecipanti 20. Durata della visita circa 3-4 ore. Difficoltà escursione su sentieri e rotabili facili, cantiere di recupero dissesti. Dislivello circa 150 m. Necessario abbigliamento adatto ad escursioni. Gradite prenotazione a segreteria.liguria@aiapp.net

EVENTO: Visita al giardino pensile sulla terrazza del Galata Museo del Mare

Genova

La visita riguarderà la terrazza, affacciata sul centro storico di Genova, del Galata Museo del Mare dove è stato realizzato un verde pensile con impiego di specie arbustive mediterranee. L’edificio seicentesco situato nell’area del Porto Antico, un tempo Arsenale della Repubblica di Genova, ristrutturato ed avvolto in una scatola di vetro e acciaio dall’architetto spagnolo Guillermo Vasquez Consuegra che lo ha trasformato nel più grande e innovativo museo marittimo del Mediterraneo. Verranno illustrate dai Soci della Sezione Liguria e da specialisti tecnici, sia la potenzialità dell’impiego di verde pensile per isolare gli edifici dal caldo e dal freddo e di conseguenza contenere il consumo energetico, sia la tecnologia utilizzata per la sua realizzazione 

Ritrovo ore 10,00 all’ingresso del Museo del Mare. Gradita prenotazione a segeteria.liguria@aiapp.net. Agli iscritti alla visita della terrazza, sarà possibile una visita del museo del Mare a tariffa speciale identificata in 8 euro anziché 13.

 

SEZIONE: LOMBARDIA

EVENTO: Il Paesaggio in libreria: il paesaggio lento tra urbano ed extraurbano

Libreria della Natura, via Maiocchi, 11

Giardini e Paesaggi Aperti “Climate Challanges” – Il Paesaggio in libreria – Il paesaggio lento tra urbano ed extraurbano, Futuro del paesaggio urbano di Milano, dialogo fra Paolo Pileri e ospite da definire. Ingresso libero fino a raggiungimento dei posti disponibili previa registrazione a: info@libreriadellanatura.com, Socio di riferimento: Giuliana Gatti: delegato.comunicazione.lombardia@aiapp.net

EVENTO: Il Paesaggio in libreria: il paesaggio tra biodiversità ed ecologia

Libreria della Natura, via Maiocchi, 11

Giardini e Paesaggi Aperti “Climate Challanges” – Il Paesaggio in libreria – Il paesaggio tra biodiversità ed ecologia, Botanica e apicoltura urbana: indicatori di biodiversità, dialogo fra Gabriele Rinaldi e Mauro Veca. Ingresso libero fino a raggiungimento dei posti disponibili previa registrazione a: info@libreriadellanatura.com Socio di riferimento: Giuliana Gatti: delegato.comunicazione.lombardia@aiapp.net

EVENTO: MuBaj – Visita e contributo di Carlo Maria Marinoni sul tema delle sfide climatiche

via Rodolfo Margaria, 1, Milano

MuBaj (Museo Botanico Aurelia Josz) – Il MuBaj è un vero e proprio laboratorio botanico gestito dal Comune di Milano. Le attività sono finalizzate allo studio degli ecosistemi e della biodiversità locale con particolare attenzione agli ambienti agricoli e urbani. La visita al museo sarà accompagnata, oltre che dai soci esperti, da Donatella Stergar (responsabile del Museo), dal Dott. Carlo Maria Marinoni in un dialogo aperto alle sfide climatiche in corso. Sede: via Rodolfo Margaria, 1, Milano – ingresso libero, prenotazioni: segreteria.lombardia@aiapp.net. Socio di riferimento: Alessandro Ferrari (da confermare)

EVENTO: La Valle della Biodiversità di Astino (Orto Botanico di Bergamo)

via Astino incrocio via Allegrezza, Bergamo

Orto Botanico di Bergamo – la Valle della Biodiversità di Astino. La valle della biodiversità di Astino è un museo all’aperto dove si studiano e si conservano collezioni botaniche che comunicano il rapporto tra piante e uomo. La visita verrà, accompagnata, dalla presenza attiva di Gabriele Rinaldi (Curatore dell’Orto) e dai suoi collaboratori, verrà gestita come un dibattito all’aperto sul tema del rapporto fra l’uomo e le piante agrarie nel contesto dei cambiamenti climatici in corso. Sede: via Astino incrocio via Allegrezza, Bergamo – ingresso libero, prenotazioni: segreteria.lombardia@aiapp.net. Socio di riferimento: Simone Zenoni

EVENTO: Il Paesaggio in libreria: ecologia e natura in città

Libreria della Natura, via Maiocchi, 11

Giardini e Paesaggi Aperti “Climate Challanges” – Il Paesaggio in libreria. Ecologia e natura in città, dialogo fra Alessandro Ferrari e ospite da definire. Progetti verdi per Milano.  Ingresso libero fino a raggiungimento dei posti disponibili previa registrazione a: info@libreriadellanatura.com Socio di riferimento: Giuliana Gatti: delegato.comunicazione.lombardia@aiapp.net

 

SEZIONE: TER -TRIVENETO EMILIA ROMAGNA 

EVENTO: 100 Orti

Vicenza

100 orti è una azienda di orticoltura biologica di 2 ettari, fondata nel 2009 da Chiara Centofanti a Vicenza, in Strada della Carpaneda, nella prima campagna ai limiti della città. Tra fiori commestibili e una ricchissima varietà di ortaggi, 100orti, secondo l’approccio noto come “agricoltura rigenerativa” è diventato un’oasi di biodiversità. Solo per fare un esempio, Chiara ogni anno coltiva un centinaio delle 400 varietà di pomodori di cui dispone.  L’azienda propone vendita diretta e in abbonamento e ospita anche un piccolo allevamento di galline livornesi all’aperto e di api. Entrata libera . Gradita prenotazione

EVENTO: Visita al MOSE

Venezia, ritrovo ore 13:00 stazione Santa Lucia (max 45 persone)

La visita ci condurrà all’interno dell’opera più discussa, complessa e “faraonica” degli ultimi anni. Il progetto MO.S.E. è l’espressione più clamorosa del tentativo dell’uomo di far fronte ai sempre più frequenti cambiamenti climatici, che minacciano una città fragile ma con un patrimonio culturale inestimabile…Venezia! Mai come in questo caso il paesaggio è l’espressione delle complesse relazioni tra il mondo naturale e quello artificiale – antropico. Le imponenti opere ingegneristiche, per la maggior parte invisibili e nascoste sui fondali, hanno impresso delle profonde trasformazioni al paesaggio littoraneo e lagunare. Collocandosi nelle Bocche di Porto lagunari (Lido, Malamocco e Chioggia), è entrato a far parte di un complesso sistema, allo stesso tempo di limes (fronte littoraneo formato da Cavallino- Treporti, Lido e Pellestrina) e di connessione (tre Bocche di Porto) fra due ecosistemi differenti, ma fortemente interdipendenti: mare Adriatico e laguna veneta. Le continue mareggiate straordinarie, la più eclatante è stata quella del 12 novembre scorso, impongono, d’altronde, che il sistema di paratoie mobili entri in funzione quanto prima, in modo da preservare una città sempre più impotente di fronte ai repentini mutamenti climatici. L’evento è organizzato in collaborazione con il Consorzio Venezia Nuova. E’ fissato a 45 il numero massimo di partecipanti.

EVENTO: Orto botanico Padova

Padova

L’edificio e tutto l’allestimento interno ed esterno è stato pensato per rappresentare la biodiversità delle specie vegetali presenti sul pianeta. All’interno dei biomi divisi in ambiente climaticamente controllato sono presenti le specie botaniche che hanno caratterizzato la storia dell’uomo. Mentre l’edificio che le contiene è stato pensato in una logica di riduzione dell’impatto ambientale attraverso l’utilizzo di tutte le risorse rinnovabili disponibili sul luogo. Ingresso a pagamento

EVENTO: Parco Terme di Levico (TN)

Ritrovo ore 14,30 presso l’ingresso principale del parco, Viale Rovigo, 380656 Levico Terme

Il Parco delle terme di Levico, gravemente danneggiato dalla tempesta Vaia di Ottobre 2018, dalla fine dello stesso anno è stato oggetto di un intervento di recupero che ha come scopo il restauro botanico alla luce dei cambiamenti climatici in essere. Il progetto ha comportato il reimpianto di 199 alberi, il rifacimento dei tappeti erbosi, e il restauro del gazebo. Oltre al progetto citato è stato indetto un bando nazionale per dare una forma agli alberi caduti interpretando il tema della resilienza. l’evento è organizzato in collaborazione con la Provincia Autonoma di Trento e la Scuola per il governo del Territorio e del Paesaggio del Trentino (STEP)

EVENTO:  Raingardens a Ravenna e Cervia

Ritrovo ore 16.30 presso il Parco Teodorico a Ravenna, ; trasferimento a Milano Marittima  ore 18.30 . Ore 19.30 aperitivo o cena a libera  scelta.

Visita dei cosidetti  parchi e giardini della pioggia realizzati a Ravenna e dintorni negli ultimi 25 anni per una città più resiliente.

L’itinerario comprende: 

– Parco Sand Creek : Zone in depressione fruibili e alberate come risposta agli allagamenti frequenti dell’area residenziale realizzate nei primi anni 90.

– Parco TEODORICO : Parco del 1995 circostante al Mauseleo di Todorico IV sec  con tematiche interessanti sull’ingressione della falda.

– Parco Ex Fornace: Vasche di laminazione realizzate  come spazi ludici e paesaggistici nei primi anni 2000.

– Viale Matteotti a Milano Marittima: Raingardens contemporanei e innovativi realizzati nel 2018 per il viale  Giardino della zona pedonale a seguito di importanti depavimentazione ed eliminazione di parcheggi e traffico.  

EVENTO:  Arte Sella

Val di Sella (Borgo Valsugana, TN)

Da più di trent’anni Arte Sella genera momenti di riflessione sulla relazione, necessaria e a volte sofferta, dell’uomo con la natura. Fin dal 1986, anno di fondazione di Arte Sella, artisti da tutto il mondo sono stati invitati in Val di Sella (Borgo Valsugana, TN) ad entrare in relazione con un luogo e una natura in continua evoluzione, realizzando opere d’arte prevalentemente con materiali naturali, trasformate nel tempo dalla stessa natura. Negli anni Arte Sella ha visto una crescita continua, con la moltiplicazione degli spazi espositivi e la partecipazione di un numero crescente di artisti, ed è stata in grado di rigenerare un’intera valle attirando un numero sempre crescente di visitatori. Accanto all’arte in natura, nel corso del tempo anche altre arti hanno trovato in Arte Sella terreno fertile e generativo – musica, danza, fotografia, letteratura.

Visita guidata 10 € a persona. Ritrovo presso il bookshop dell’area di Malga Costa (Max 40 persone).Gradita prenotazione

EVENTO:  Davines Parma

Parma

Il progetto di green design dell’azienda Davines si inserisce all’interno di un progetto più ampio denominato ” Kilometro verde “, una fascia di 11 km posta lungo l’ autostrada A1 a Parma. Un masterplan che ha come scopo la valorizzazione paesaggistico-ambientale di questo tratto dell’A1. Oltre al contributo in termini di mitigazione dell’inquinamento, aumento della biodiversità e maggiore resilienza della cintura periurbana di Parma , l’obbiettivo del kilometro verde è di tracciare un segno paesaggistico forte, capace di dare nuova identità ad un paesaggio frammentato. Verrà anche spiegato il giardino aziendale interno all’edificio, un orto scientifico,usato come laboratorio di ricerca e sviluppo dalla stessa azienda. Gradita prenotazione

EVENTO: Convegno sui tetti verdi a Reggio Emilia

Reggio Emilia

Tavola rotonda per fare luce sulla possibilità di inserire i tetti verdi come prescrizione negli edifici produttivi all’interno della città, per contrastare  l’effetto isola di calore e l’incremento dell’inerzia idraulica nelle acque piovane.

EVENTO:  Visita al Parco di Miramare (Trieste)

Parco di Miramare a Trieste

Visita al parco di Miramare a Trieste per mettere in luce le problematiche contemporanee legate alla sostenibilità nel processo  di conservazione inventiva del parco di Miramare a Trieste, ideato e progettato da Massimiliano d’Asburgo a metà Ottocento quale stazione sperimentale di riforestazione e giardino paesistico per l’acclimatazione di specie esotiche e mediterranee. Il viaggio, per chi lo vorrà, potrà avvenire tramite il treno a percorrenza lenta con fermata a Miramare, nella raffinata stazione di gusto eclettico lungo il percorso della linea storica ideata per collegare Vienna al porto di Trieste. Partenza in treno da Padova ore 12.22- partenza da Mestre 12.51- arrivo a Monfalcone (14.20) e ripartenza da Monfalcone alle 15.10 con arrivo a Miramare alle 15.28. Ripartenza con il treno alle 18.38 da Miramare con arrivo a Padova alle 21.38

EVENTO:  Primavera alla Colombara: Strategie e tecniche di mitigazione degli effetti climatici

Vivaio la Colombara – Cittadella (PD)

Durante le giornate di primavera del Vivaio La Colombara, verranno affrontate varie tematiche riguardanti le piante, i giardini e i cambiamenti climatici.  Marco Tosato parlerà del bosso con particolare focus al Labirinto di Borges a Venezia: strategia di difesa dall’acqua alta e lotta biologica contro la piralide. Il cambiamento climatico in atto, soprattutto le alte temperature durante la stagione estiva, incidono sul ciclo biologico del parassita, favorendone la prolificazione.  (per informazioni chiamare il numero 3356642492)

EVENTO:  Primavera alla Colombara: Strategie e tecniche di mitigazione degli effetti climatici

Vivaio la Colombara – Cittadella (PD)

Durante le giornate di primavera del Vivaio La Colombara, verranno affrontate varie tematiche riguardanti le piante, i giardini e i cambiamenti climatici.  La Società Italiana Arboricoltori illustrerà le tecniche di mitigazione degli effetti climatici, mediante l’impiego delle alberature, in vari ambiti. Paolo Rodaro affronterà il tema dei prati naturali, del loro utilizzo per il miglioramento della permeabilità del suolo e la creazione di piccoli ecosistemi. Ritenuti, inoltre, una soluzione sensibile al tema dei costi di gestione (sfalci e diserbi) delle aree verdi, in ambito pubblico e privato. (per informazioni chiamare il numero 3356642492)

EVENTO:  Giardino del seminario patriarcale della chiesa di Santa Maria della Salute

Venezia

La visita ci porterà a scoprire sia il giardino che il Seminario Patriarcale attigui alla chiesa della Salute, opere dell’ architetto Baldassare Longhena. Si visiteranno anche la Sacrestia (soffermandosi sulla riproduzione di un arazzo cinquecentesco e sul dipinto di San Sebastiano opera di Marco Basaiti) e la Biblioteca monumentale con antichi erbari del 1500. Inoltre, attraverso una scala a chiocciola di oltre 100 scalini, si salirà fino alla terrazza della specola dell’osservatorio astronomico, meteorologico e delle maree, con una splendida veduta a 360 gradi su bacino San Marco, Giudecca e Canal Grande. Infine la visita si concluderà alla Pinacoteca Manfrediniana, dove sono esposti 65 dipinti su tela, tavola e rame, fra cui alcune copie antiche di esemplari oggi custoditi al Louvre e all’Ermitage.  L’evento è organizzato in collaborazione con Wigwam Club Giardini Storici di Venezia.

(max 40 persone/turno) contributo 15 € soci AIAPP e Wigwam Club. contributo 20 € non soci. (prenotazioni.giardinistorici@gmail.com)

EVENTO:  Palazzo Nani Bernardo e Orto del campanile ai Carmini

Venezia

Il cinquecentesco Palazzo Nani Bernardo è una residenza privata che si affaccia sul Canal Grande fra Ca’ Rezzonico e Ca’ Foscari. Sul retro il raffinato giardino segreto, nato da un intervento ottocentesco con geometriche aiole fiorite, una ricca collezione di rose, una palma considerata la più alta di Venezia ed un esemplare monumentale di glicine. Sarà possibile visitare anche l’appartamento riservato ai ricevimenti con finestre sul Canalazzo di fronte a Palazzo Grassi. Segue transfer di pochi minuti. Dietro alla trecentesca chiesa dei Carmini, l’Orto “Marco Cè” è uno spazio recuperato con passione e tenacia da un gruppo di parrocchiani volontari che hanno voluto creare un orto-giardino dove offrire, fra fiori ed ortaggi, un luogo aperto alla condivisione e di sorridente accoglienza. Entrambi i giardini, purtroppo, sono stati fortemente danneggiati dall’ eccezionale acqua alta del 12 novembre scorso. L’evento è organizzato in collaborazione con Wigwam Club Giardini Storici di Venezia.

(max 40 persone/turno) contributo 15 € soci AIAPP e Wigwam Club. contributo 20 € non soci. (prenotazioni.giardinistorici@gmail.com)

EVENTO: La foresta di Tarvisio di fronte ai cambiamenti climatici

Foresta di Tarvisio – Val Saisera (Udine)

Escursione nella Foresta di Tarvisio – Val Saisera, per la conoscenza degli effetti dei cambiamenti climatici su quel particolare ecosistema. Saranno visibili gli effetti della tempesta Vaia e come reagisce l’ambiente a un clima sempre più caldo rispetto all’habitat storico dell’area. Aggiornamento sui progetti regionali ed europei per la tutela della Foresta in questa particolare situazione climatica che si prospetta per il futuro. Oltre a questi aspetti naturalistici sarà possibile visitare anche un percorso d’arte immerso nella natura della valle, purtroppo anch’esso colpito dall’evento atmosferico e, in relazione agli aspetti storici dell’area, resti della Grande Guerra e della Guerra Fredda. Ore 9.00: Ritrovo in piazza a Valbruna

EVENTO: Ecovillaggio a Montale di Castelnuovo di Rangone (MO)

Montale di Castelnuovo di Rangone (MO)

Ecovillaggio è un quartiere abitativo immerso in un paesaggio tipicamente urbano rurale, nel quale la matrice verde si scontra con quella dell’urbanizzato, fondendosi il più delle volte in modo casuale e totalmente disarmonico. Ecovillaggio è un quartiere modello, realizzato con veri e propri criteri di Bioarchitettura. Continua a leggere sulla locandina…

 

SEZIONE: TUM – TOSCANA UMBRIA MARCHE

EVENTO: Visita alla cassa di espansione del torrente mensola

Firenze

L’area del Parco del Mensola, situato nell’area nord-est del capoluogo fiorentino, è stata soggetta all’intervento di mitigazione del rischio idraulico da alluvione e di tutela e recupero degli ecosistemi e della biodiversità sul torrente Mensola. Ospita oggi un sistema di casse di espansione che si estende per oltre 18 ettari.
La visita prevede una passeggiata durante la quale sarà possibile comprendere il funzionamento di questo nuovo polo e durante la quale si potrà parlare della sistemazione dell’area e della sua duplice funzione idraulica e di spazio verde pubblico.

EVENTO: Visita al parco Orzali dentro la cassa di espansione

Monsummano Terme (PT)

Il Parco Orzali, progettato dallo studio Franchi+Associati, è un piccolo parco situato nella periferia di Monsummano realizzato all’interno di una cassa di espansione idraulica. La progettazione del parco ha previsto la possibilità che questo venga completamente sommerso per alcuni periodi e tutte le scelte progettuali sono state orientate verso questa particolare caratteristica.
La visita al Parco Orzali avverrà in compagnia del progettista e socio AIAPP Gianfranco Franchi.

EVENTO: Bacino di laminazione sul fosso della badia a Pesaro

Pesaro

Bacino di Laminazione sul Fosso della Badia “Cattabrighe”. Un’area necessaria al contenimento dell’acqua in casi di piena duecentennale che nel frattempo poteva essere un parco. Un’equipe di progettazione a cui ingegneri idraulici, geologi e paesaggisti hanno lavorato ha prodotto un progetto che ha messo insieme funzionalità idraulica e fruibilità pubblica. Realizzazione: 2013 Superficie a parco: circa 2.200mq.
La visita sarà preceduta da un incontro con i progettisti dello studio Landesign, tra cui la socia AIAPP Sabina Filippi, che spiegheranno cosa c’è dietro il progetto e quale è il suo funzionamento.

EVENTO: Visita al Lago Vicini a Fano

Fano

Il Lago Vicini è un centro di riqualificazione ambientale con scopo didattico e scientifico. L’area è gestita dall’Argonauta – Associazione Naturalistica della Federazione Nazionale Pro Natura. Comprende un piccolo lago con acque profonde sino a 8 m che si inserisce in un sistema di zone umide SIC e ZPS entro il Comune di Fano. La visita durerà circa 30-45 minuti e sarà una sorta di passeggiata attraverso l’area naturale. Durante la visita saremo accompagnati da una guida facente parte dell’Associazione che gestisce il lago che affronterà con noi argomenti tecnici riguardanti la gestione del lago e ci illustrerà il progetto nei dettagli che permettono all’area di essere attrattiva per gli animali e di divenire una vera e propria zona umida.

 

SEZIONE: LAMS – LAZIO ABRUZZO MOLISE SARDEGNA

EVENTO: Il paesaggio solare di Valentano

Valentano (VT)

Al fine di raggiungere gli obiettivi 2030 abbiamo bisogno di incrementare la produzione di energia rinnovabile, riconosciuta dalla Agenzia Europea dell’Ambiente come un servizio ecosistemico. Dopo l’eolico il solare presenta il più alto rendimento. Come possiamo integrare la produzione di energia solare nei nostri paesaggi? Quale il contributo degli architetti del paesaggio e del progetto di paesaggio? Come progettare un parco solare multifunzionale che oltre a garantire la produzione di energia pulita supplisca ad altre funzioni e servizi ecosistemici del paesaggio? A che punto siamo in Italia? Quali i problemi e le sfide future? Obiettivo della visita è quello di mostrare un buon esempio di paesaggio solare al fine di intavolare una discussione aperta sul futuro sviluppo di questi paesaggi di sostenibilità energetica, ma non sempre di sostenibilità ecologica e culturale. Ne discuteremo con Fabrizio Cembalo, architetto del paesaggio AIAPP incaricato per il progetto di paesaggio del parco solare di Valentano, la Sonnedix Italia, proprietaria dell’impianto, l’Associazione Italiasolare e Alessandra Scognamiglio, ENEA, esperta di paesaggi solari che ci accompagneranno nella visita. Modera Paolo Picchi, socio AIAPP e ricercatore postdoc sui paesaggi dell’energia rinnovabile presso l’Accademia di Architettura di Amsterdam.

La visita è organizzata in collaborazione con l’Accademia di Architettura di Amsterdam, High Density Energy Landscapes Research Group

Valentano (VT) appuntamento ore 10.45 in Piazza Alfonso d’Ascenzi a Valentano – la giornata si conclude intorno alle ore 15 dopo pic nic solare. Per info e prenotazioni scrivere a Paolo Picchi tesoriere.lazio@aiapp.net, +39 349 4333 103 – il pic nic è condiviso, ognuno è invitato a portare una pietanza ed una bevanda.

EVENTO: Visita al parco di Villa Ada, criticità nella gestione e manutenzione del parco nel periodo di eventi climatici importanti

Roma

Durante la visita saremo coadiuvati dall’arch. Tiziana Pescosolido, curatrice del Parco di Villa Ada per conto del Dipartimento Tutela Ambientale del Comune di Roma. Ore 10 presso l’ingresso sul lato del Lago Grande di Villa Ada in via di Ponte Salario. 

 

SEZIONE:  CAMPANIA BASILICATA CALABRIA

EVENTO: Come si adattano gli alberi ai tempi dei cambiamenti climatici 

Sorrento

In occasione della donazione di un albero alla scuola media Tasso, verrà affrantato l’argomento dell’adattamentoi degli alberi ai tempi dei cambiamnetoi climatici e la loro migrazione. In collaborazione con il Garden Club Penisola Sorrentina. Ritrovo ore 10.00 presso la  scuola media Tasso, Sorrento. Massimo 40 persone. Per prenotazioni e informazioni 3355611488 Giulia de Angelis

EVENTO:  Orti urbani

Potenza

Il tema del cambiamento climatico è entrato nelle coscienze dei cittadini e a Potenza già da qualche anno, grazie all’impegno associativo del circolo Legambiente Potenza “Ken Saro Wiwa” e al Comune di Potenza, un’area della città degradata, abbandonata e diventata una vera discarica a cielo aperto, è stata riqualificata e resa fruibile, recuperando in tal modo circa 3000 mq di suolo dalla perdita irreversibile di fertilità. Oggi questo luogo, da area abbandonata, è diventato un giardino condiviso da una comunità di “ortolani” che con le loro famiglie animano e coltivano seguendo le stagionalitá.  È diventato luogo di inclusione, di integrazione, di invecchiamento attivo dove scolaresche, ragazzi richiedenti asilo, anziani pensionati si incontrano, si scambiano storie ed esperienze, comprendendo i ritmi della natura. Ad aumentare valore e bellezza all’area sono state posizionate delle arnie per vivere l’esperienza dell’apicoltura urbana, dove si possono osservare le instancabili api, sempre più indifese con questi cambiamenti climatici. La proposta prevede una visita guidata in questo luogo, per dimostrare come la riqualificazione urbana o periurbana di aree abbandonate e riconsegnate ai cittadini, può essere una sfida sostenibile per rispondere ai cambiamenti climatici.

Ingresso libero. Ore 9.30 ritrovo presso l’ingresso del Parco Elisa Claps, quartiere Macchia Romana, Potenza. Gradita prenotazione – Maria Coviello tel. 340 2357024

EVENTO: I giardini di comunità di Gardentopia, Lavello

Lavello  (Potenza)

Incontro itinerante dedicato alla visita di due dei giardini realizzati nell’ambito di Gardentopia, progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 che ha visto la realizzazione di 32 giardini di comunità in 26 Comuni della Basilicata con il coinvolgimento di 18 fra artisti e architetti del paesaggio nazionali e internazionali sotto il coordinamento della curatrice Pelin Tan. Il programma prevede la visita dei giardini di comunità di Lavello  a cura dei soci AIAPP e progettisti dello studio Volumezero architecture and landscape, l’incontro con le comunità che hanno contribuito alla realizzazione dei due giardini e che tutt’ora si occupano della sua cura e dell’animazione e l’intervento di Rossella Tarantino e Massimiliano E. Burgi della Fondazione Matera Basilicata 2019 e dei rappresentati delle due Amministrazioni Comunali.

Ore 10:00 Lavello (PZ), giardino di comunità – Villa comunale A.Jacoviello. Per prenotazioni e informazioni: 349 8145983 (gerardo sassano) – volumezero.info@gmail.com

EVENTO: I giardini di comunità di Gardentopia, Montemilone

Montemilone (Potenza)

Incontro itinerante dedicato alla visita di due dei giardini realizzati nell’ambito di Gardentopia, progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 che ha visto la realizzazione di 32 giardini di comunità in 26 Comuni della Basilicata con il coinvolgimento di 18 fra artisti e architetti del paesaggio nazionali e internazionali sotto il coordinamento della curatrice Pelin Tan. Il programma prevede la visita dei giardini di comunità di  Montemilone a cura dei soci AIAPP e progettisti dello studio Volumezero architecture and landscape, l’incontro con le comunità che hanno contribuito alla realizzazione dei due giardini e che tutt’ora si occupano della sua cura e dell’animazione e l’intervento di Rossella Tarantino e Massimiliano E. Burgi della Fondazione Matera Basilicata 2019 e dei rappresentati delle due Amministrazioni Comunali.

Ore 12:00 Montemilone (PZ) , giardino di comunità di Via Salerno. Per prenotazioni e informazioni: 349 8145983 (gerardo sassano) – volumezero.info@gmail.com

EVENTO: Giardini letterari

via Carlo Santoro, 93 Cava de’Tirreni (SA)

Dialoghi in giardino, presentazione del parco letterario Vittoria Aganoor,  giardino storico Villa Santoro. Seguirà  un talk sul mestiere del paesaggista e sui cambiamenti climatici. Ingresso libero. Ore 11.00. Gradita prenotezione.

EVENTO: Orti saraceni

Tricarico (MT)

Gli orti saraceni sono costituiti da superfici terrazzate a ridosso delle mura dell’abitato, erano dei veri e propri orti nei quali si coltivavano in modo intensivo piante officinali di uso domestico, quotidiano e stagionale. Gli insediamenti più antichi e di cui rimangono centri abitati caratteristici e meglio conservati da un punto di vista urbanistico (Tursi, Tricarico, Abriola, Pietrapertosa) si ebbero tra la fine del VIII e durante il IX sec., in seguito alla conquista della Sicilia che spinse gli Arabi a risalire la penisola verso nord con azioni militari che miravano al controllo delle vie commerciali. Successivi arrivi di popolazioni arabe si verificarono nel periodo normanno, dal XI sec fino al 1300, anno in cui alla distruzione della colonia arabo-normanna di Lucera ad opera del re angioino Carlo II, seguì la deportazione e l’esilio per le popolazioni arabo-sicule in roccaforti isolate e di difficile accesso nelle aree interne della Basilicata. Anche se frammentarie, le tracce della presenza araba persistono nella architettura urbanistica di alcuni centri storici, nei dialetti locali e in alcuni vocaboli arcaici (es.: “Rabatana” zona arroccata dell’abitato; “cibbja” vasca di raccolta dell’acqua per irrigare l’orto; “za’ferano”: aromatizzante e colorante in origine giallo perché a base di zafferano, attualmente rosso e ottenuto dai peperoni, ecc.) che testimoniano del carattere stanziale delle comunità arabe e loro della progressiva integrazione con le popolazioni locali. Di grande interesse antropologico ed etnobotanico risulta pertanto il recupero delle conoscenze relative alle piante officinali di quel periodo ancora presenti nell’uso comune e tradizionale.

Ingresso libero. Ore 12.00. Ritrovo presso Chiesa di Santa Maria del Carmine, Tricarico. Gradita prenotazione – Francesca Fasanino tel. 338 1541139

EVENTO: Giardini di comunità Matera Gardentopia

Matera

L’ innovazione sociale è lo strumento del processo creativo, in gran parte di tipo collettivo, finalizzato alla realizzazione di beni e servizi che migliorano il livello di benessere di una comunità in termini, ad esempio, di educazione, welfare e inclusione sociale. L’idea alla base del progetto Gardentopia, uno dei progetti chiave di Matera 2019, fa dei giardini di comunità incubatori di riuso di ciò che si trova in un luogo per recuperare il senso del genius loci ma anche riattivare i metabolismi di aree dismesse e renderle fruibili alla comunità. Tutte le zone degradate opportunamente recuperate con il lavoro e l’esperienza dei privati cittadini, consentiranno di avere uno sguardo più attento verso la città educando alla cura e alla bellezza dei beni comuni.

Ingresso libero. Ore 16.00. Ritrovo in via Lanera, Giardino MOM, Matera. Gradita prenotazione – Francesca Fasanino tel. 338 1541139

EVENTO: Villa Farina

Baronissi (SA)

Il complesso di Villa Farina, di proprietà privata, costituisce una delle più interessanti opere settecentesche della provincia di Salerno. Situato nell’antico borgo di Baronissi, domina completamente l’ambiente urbano con il lungo prospetto della facciata principale e l’immenso parco retrostante. Il grande parco, di circa 15000 mq, è considerato uno dei più importanti della provincia di Salerno, fu realizzato a corredo della villa con la finalità di rivestire un carattere puramente estetico e ornamentale. Di notevole valore paesistico, è realizzato sul modulo “a poggio” di Capodimonte, ricco di interessanti presenze arboree, molte delle quali messe a dimore all’epoca dell’impianto del giardino, come un cedro argentato e alcune splendide camelie. Il giardino è costituito da immense aiuole trattate a prato con alberature secolari che si articolano tra sinuosi viali che a loro volta conducono a interessanti episodi architettonici.

Ingresso libero. Ore 16.30. Gradita prenotazione – Enrico Auletta tel. 349 3229561

EVENTO: Torre degli Arbusti

San Costantino Albanese (PZ)

La torre degli arbusti dell’ artista Leone Contini a San Costantino Albanese, comune in provincia di Potenza di 668 abitanti, nata dall’insediamento delle comunità Arbëresh nel XVI secolo. Contini ha studiato filosofia e antropologia culturale all’Università di Siena. La sua ricerca si colloca lungo il margine di contatto tra pratiche creative e lavoro etnografico, focalizzandosi primariamente su conflitti interculturali, relazioni di potere, migrazioni e diaspore e su come tutti questi fenomeni influenzino il contesto antropologico e il paesaggio botanico del luogo in cui si trova a operare. Le sue pratiche includono lecture-performances, interventi nello spazio pubblico, narrazioni testuali e audio-visuali e disegni. Per la realizzazione dell’ opera ha invitato i cittadini nella Villa Comunale di San Costantino Albanese. Da qui attraverso una passeggiata alla scoperta della Flora del Pollino, ha selezionato e raccolto le specie autoctone che avrebbero colonizzato l’opera. Sarà possibile visitare l’opera e apprendere la nomenclatura delle specie in lingua italiana e Arbëresh.

Ingresso libero. Ore 15.00. Villa comunale di San Costantino Albanese. Gradita prenotazione – Francesca Fasanino tel. 338 1541139

 

SEZIONE:  PUGLIA

EVENTO: Workshop “Il dominio della pietra”

Melpignano (Le)

Melpignano (Le): EX TABACCHIFICIO e PALAZZO MARCHESALE. Partecipazione gratuita, con obbligo di iscrizione (max 25 partecipanti). CFP

EVENTO: Seminario  “La rigenerazione urbana: governance dei cambiamenti climatici”

Lecce: Externa 2020 – Lecce Fiere Piazza Palio

Giornata studio sul tema delle tecnologie per la progettazione e realizzazione degli involucri verdi degli edifici, per il contrasto ai cambiamenti climatici

Durata 8 ore. Inizio ore 9. Partecipazione gratuita, con obbligo di iscrizione. CFP

 

SEZIONE:  SICILIA

EVENTO: Castello e parco di Donnafugata

Castello e parco di Donnafugata (Ragusa)

Visita del Castello di Donnafugata, che, su elementi precedenti, divenne dimora nobiliare dell’Ottocento, e del suo Parco storico. La prestigiosa dimora è inserita nella lista delle case della memoria che ricordano la presenza di personaggi illustri. Il castello è ricordato per essere stato luogo dove vissero il Barone Corrado Arezzo de Spuches (noto politico, filantropo e cultore delle arti) e il Visconte Combe de Lestrade (diplomatico, storico e sociologo).  Intorno al castello si trova un ampio e monumentale parco di 8 ettari. Contava oltre 1500 specie vegetali e varie “distrazioni” che dovevano allietare e divertire gli ospiti, come il tempietto circolare, la Coffee House, alcune “grotte” artificiali dotate di finte stalattiti (sotto il tempietto) o il particolare labirinto in pietra. Molto particolare è il fatto che nel parco si trovino degli scherzi per allietare le giornate al castello.

EVENTO: Il paesaggio dei muri a secco, dal 2018 patrimonio Unesco

Ragusa

La visita propone una visita al paesaggio dei muri a secco nell’area di Ragusa, un tipo di paesaggio tradizionale che ha affrontato, se non il “cambiamento” climatico come lo stiamo vivendo adesso, certamente una relazione specifica con il clima e i con i fattori che dal clima sono derivati, gestione delle acque, erosione, biodiversita’. Il muro a secco infatti rappresenta un tipo di progettualita’ tradizionale del sapere locale che ha dato una risposta paesaggistica a una necessita’ climatica esplicando diverse funzioni: trattenimento della poca umidita’ disponibile attorno a carrubi produttivi; contenimento dei pendii per trattenere un po’ d’acqua per le coltivazioni e contrastare l’erosione; favorire, lungo la rete interconnessa dei muri, biodiversita’ di flora e fauna. Nel novembre del 2018, su proposta di nove stati tra cui l’Italia, l’UNESCO ha dichiarato l’arte del muro a secco bene immateriale dell’umanita’. ore 16.00 Ritrovo davanti il castello di Donnafugata Visita guidata di aree connotate dalla presenza di muretti a secco.

EVENTO: Cave di Cusa: un giardino di pietre sospeso nel tempo

Campobello di Mazara (TP)

Le Cave di Cusa sono il luogo dal quale si estraevano i rocchi di calcarenite per la costruzione dei templi di Selinunte fino al 409 a.C.,  cioè fino a quando l’esercito cartaginese ne interruppe drammaticamente l’attività con la distruzione della città. Sono state insignite dalla fondazione Benetton del Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino nella X edizione nel 1999 riconoscendo in questo luogo l’intenso dialogo esistente tra natura e memoria. Nel Parco Archeologico di  Selinunte, così come nelle Cave di Cusa che andremo a presentare, può ancora  osservarsi flora endemica con brani residui della copertura vegetale primigenia che, grazie al regime di tutela archeologico, si è  preservata nel tempo dando rifugio ai suggestivi resti dell’opera umana drammaticamente interrotta è rimasta sospesa nel tempo come sarà possibile osservare dal vivo. La motivazione della visita, oltre a quella di trascorrere una giornata di primavera in un bel luogo, è quella di trovare spunti per riflettere sul tema del cambiamento del paesaggio e di come nella storia passata e nel contemporaneo ciò possa accadere. Il tema che AIAPP ha lanciato, quello delle sfide climatiche, riteniamo sia trasversale a delle riflessioni di diverso carattere che comporremo attraverso un programma più dettagliato che vuole coinvolgere, oltre ai paesaggisti, esperti botanici,  idrogeologi e archeologi.

ore 10.00 ​Ritrovo all’ingresso dell’area archeologica delle cave di Cusa; ore 10.30 ​Ingresso  e presentazione della giornata: brevi cenni su cos’è l’AIAPP e sulla figura del paesaggista, illustrazione della storia delle cave di Cusa. Interventi degli ospiti e coinvolgimento dei partecipanti sul tema delle sfide climatiche. Ore 14.00​ Pranzo facoltativo in agriturismo locale con prodotti tipici della tradizione siciliana.

EVENTO:  Pantelleria: viaggio immersivo in un paesaggio connotato dalle sue pratiche agricole tradizionali

Pantelleria

La visita a Pantelleria, sito UNESCO dal 2014, offrirà la possibilità di immergersi in un paesaggio fortemente connotato da pratiche agricole tramandate di generazione in generazione, in una terra dalle difficili condizioni climatiche e geologiche. Pantelleria e’ caratterizzata da un clima difficile e da venti constanti, mancanza di pioggia compensate da alta umidita’, terreni difficili su cui sono state fatte magistrali terrazzamenti. La pratica agricola che definisce il paesaggio e’ fondata  su buche protettive e un sistema di  terrazzamenti e muri a secco. In particolare si potrà apprezzare la particolare tecnica per la coltivazione della vite ad alberello che vede i panteschi impegnati nell’assicurare alle piante il microclima utile per la loro crescita e produttività ed è stata riconosciuta facente parte del patrimonio culturale immateriale dell’umanità.

Giorno 2 maggio: ritrovo in piazza castello intorno alle 10.00, visita al vivaio di Elena Turner. Percorso guidato nel paesaggio vitivinicolo e olivicolo. Giorno 3 maggio: visita  a giardini privati. Durante le giornate di visita si prevedono degustazioni in cantina, previa prenotazioni e a pagamento.

X
- Enter Your Location -
- or -