plan cul gratuit - plan cul bordeaux - voyance gratuite en direct

DAL NAZIONALE

Giardini e Paesaggi aperti 2021

Ripartire dal Paesaggio / Restart

Vi informiamo che a settembre ricominceranno le iniziative AIAPP di Giardini e Paesaggi Aperti che vedranno tutte le Sezioni territoriali impegnate con eventi su tutto il territorio Nazionale. Il programma e le locandine sono in aggiornamento.

 

SEZIONE: PIEMONTE E VALLE D’AOSTA

EVENTO: Arte e cambiamenti climatici nel lago di Avigliana

25 settembre dalle 10:00 alle 17:00

Incontro presso Comune di Avigliana, piazza Conte Rosso 7, Avigliana /TO

Il varo di un’opera d’arte galleggiante composta di dodici tondi dipinti e che fa della quarta dimensione, lo scorrere del tempo, una variabile affascinante, è l’occasione per una discussione e una divulgazione dei temi dell’adattamento ai cambiamenti climatici e il loro contrasto, anche in ottemperanza dei diciassette goals dell’ONU. La giornata si organizzerà con un’Assemblea della Sezione AIAPP Piemonte e Valle d’Aosta che si interrogherà sull’agire possibile sulle tematiche relative ai cambiamenti climatici, e, aperti verso la cittadinanza che parteciperà, la visita dei luoghi intorno al lago, la presentazione del progetto dell’opera d’arte che sarà varata la settimana precedente rimanendo per un mese circa, e per chi vorrà un’escursione in canoa assistiti dalle società canoistiche del lago.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: segreteria.piemonte@aiapp.net

EVENTO: Visita Villa Sassi – Il parco storico come rifugio climatico

Evento rimandato a data da definire

Ritrovo presso strada al Traforo del Pino 47, Torino (TO)

Residenza storica seicentesca, frequentata nel tempo dai nobili e intellettuali torinesi e piemontesi, fra cui anche il Conte Cavour. Divenuta oggi un punto importante nel sistema dell’ospitalità del capoluogo piemontese, si situa all’interno di un parco recentemente riqualificato, in cui spicca un esemplare maestoso di Cedrus libani che, con altri esemplari secolari, ha permesso di riconoscere tutto il sistema del parco fra i cento più belli d’Italia. Per la sua posizione così prossima alla città di Torino, assume un carattere importante per l’ecosistema della collina torinese e si costituisce come potenziale rifugio climatico.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: segreteria.piemonte@aiapp.net

EVENTO: Il Parco del Fantastico – Trasformare la città

26 settembre dalle 15:30 alle 17:00

Ritrovo presso il giardino di via Reisss Romoli 49/bis, Torino (TO)

Nella periferia nord di Torino ha trovato posto un Museo davvero fantastico, il MUFANT, che significa appunto Museo del Fantastico e della Fantascienza, dove ritrovare le narrative della fantascienza ‘classica’, i fumetti anche della fantasia e del fantastico, ma anche testi relativamente poco conosciuti di scrittori quali Primo Levi. Nell’intorno un’area, nata come parcheggio, che si sta progressivamente trasformando in un parco del fantastico, dove sagome di personaggi famosissimi per intere generazioni della fumettistica giapponese o della filmografia della fantascienza e della fantasia popolano i luoghi, dove accorgimenti di deimpermeabilizzazione del suolo abbracceranno soluzioni di mitigazione climatica

Per maggiori informazioni e prenotazioni: segreteria.piemonte@aiapp.net

 

SEZIONE: LIGURIA

EVENTO: Visita al Podere Case Lovara

25 settembre dalle ore 10:30 alle 15:30

Affacciato sul Mar Ligure e immerso nel Parco Nazionale delle Cinque Terre, il Podere Case Lovara è un luogo unico, isolato, raggiungibile solo a piedi con un sentiero panoramico che collega Levanto a Monterosso. L’azienda agricola di 45 ettari, con tre case rurali, è attorniata dai tipici terrazzamenti in pietra a secco, su cui dopo anni di abbandono, grazie all’intervento del FAI e al sostegno della Fondazione Zegna, sono tornati di nuovo a crescere vigne, ulivi e alberi da frutto. Il progetto del FAI per il Podere Case Lovara a Punta Mesco ha ricevuto una menzione per il Premio Nazionale del Paesaggio 2021 in quanto “modello di eccellenza e potenzialmente replicabile in altri contesti”. I 45 ettari di proprietà del FAI comprendono tre fabbricati rurali, oltre a lussureggianti aree boschive a lecci e pini, alternate a zone di macchia mediterranea. Nel tempo, la straordinaria coesistenza tra mare e vegetazione permise lo sviluppo di un’eccezionale biodiversità, dove la secolare presenza dell’uomo riuscì a plasmare il territorio con mano sapiente, senza tuttavia alterare i fragili equilibri ecologici. Nel 1999 venne istituito il Parco Nazionale delle Cinque Terre, le cui nuove regole salvarono l’area da diversi progetti di edificazione ma, al tempo stesso, posero fine alla lunga storia dell’insediamento umano a Punta Mesco. La natura, quando è abbandonata a sé stessa, può cancellare una storia di secoli: il bosco avanza danneggiando gli edifici, “mangiando” le colture fino a far crollare i muretti a secco che sostengono tipici terrazzamenti, i quali, oltre a ricavare spazi per la coltivazione, svolgono una funzione di difesa dal rischio idrogeologico. Il progetto del FAI, nel rispetto dei principi del Parco riporta, l’area alla sua storica funzione di produzione agricola, il cui fabbisogno energetico sarà fornito per il 60% da fonti rinnovabili. La prima fase del recupero è stata caratterizzata dal ripristino di edifici e terrazzamenti, sui quali sono stati ricavati spazi utili a coltivare ulivo, vite e alberi da frutto e orti. I visitatori troveranno spazi di accoglienza, la possibilità di effettuare visite che raccontano la storia e le prospettive dell’insediamento, oltre a suggerimenti preziosi sui dintorni e sui numerosi sentieri di uno fra i paesaggi più tipici e affascinanti di tutta la Liguria.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: presidente.liguria@aiapp.net

EVENTO: Visita ai Parchi di Nervi

26 settembre dalle 10:00 alle 13:00

Appuntamento ore 10 presso ingresso GAM – Numero max partecipanti 20. Durata della visita circa 3 ore.

Il progetto di Restauro e Valorizazzazione dei Parchi di Nervi nasce dalla volontà del Comune di Genova di porre rimedio al consistente depauperamento che negli anni recenti ha afflitto i Parchi, dovuto oltre che alla presenza di fitopatie, soprattutto ai noti eventi meteorologici dell’ottobre del 2016 in cui raffiche di vento a 120km/h devastarono i Parchi abbattendo più di 100 alberature, situazione poi aggravata da dall’evento analogo nell’ottobre del 2018. Il risultato era quello di parchi con masse arboree estremamente impoverite che hanno perso l’originario impianto scenografico dato dall’alternanza delle masse compatte delle vegetazione agli spazi aperti prativi che enfatizzavano la presenza delle ville ed il loro rapporto con il paesaggio circostante. Lo scopo principale del progetto è quindi quello di ritornare allo stato complessivo originario dei parchi ricreando i quadri prospettici, le alternanze dei gruppi di vegetazione con le loro infinite sfumature di verdi, gli esemplari di pregio, le collezioni di alberi e arbusti. Gli aspetti botanici, agronomici e pedologici costituiscono il cuore del progetto.  Ad oggi è stata completata una prima fase di lavori ed è in corso la successiva: la visita ai Parchi sarà l’occasione per mostrare quanto è stato fatto finora ed i risultati raggiunti.  Importante sarà il contributo alla visita di un rappresentante di ISCUM (Istituto di Cultura Materiale) che ha condotto la lettura dendroconlogica sulla ceppaia di Cedrus libani, attività propedeutica alla sua valorizzazione nel contesto storico dei Parchi, come testimone della storia dal suo primo impianto nel 1877 al suo abbattimento nel 2016.

Gradita e necessaria la prenotazione a: valentina.dallaturca@dodimoss.eu

 

SEZIONE: LOMBARDIA

EVENTO: Visita alla Cassinazza di Giussago

18 settembre dalle 9:30 alle 13:00

Ritrovo presso la Casinazza di Giussago alle ore 9:30 ognuno con la propria bicicletta.

A 15 Km a sud di Milano presso La Cassinazza di Giussago dove  è possibile parcheggiare per percorrere a piedi o in bicicletta le grandi estensioni agricole , i boschi e le aree umide presenti.

Tra Milano e Pavia si trova il comprensorio agricolo della Cassinazza di Giussago, 1.500 ettari di terreni coltivati a riso, aree naturali e zone umide. L’azienda, nata intorno agli anni novanta, persegue l’obiettivo di salvaguardare importanti ambiti naturali ricchi di biodiversità all’interno di attività agrarie sostenibili dove la produzione del riso è quella principale. La Cassinazza di Giussago è una tra le più importanti esperienze di produzione agraria sostenibile, attenta al mantenimento della biodiversità e di zone umide sempre più rare nell’ambito padano.

Per maggiori informazioni e prenotazioni entro il 5 settembre: segreteria.lombardia@aiapp.net

EVENTO: Interno verde

25 e 26 settembre dalle 9:00 alle 18:00

Mantova città e dintorni

Durante le giornate di GePA, l’associazione ILTURCO di Ferrara ha organizzato un’interessante iniziativa di apertura e racconto dei giardini privati di Ferrara, Parma e Mantova. AIAPP aderisce all’evento e si impegna, attraverso la partecipazione diretta del presidente della sezione lombardia.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: presidente.lombardia@aiapp.net

 

SEZIONE: TER -TRIVENETO EMILIA ROMAGNA 

EVENTO: Giardini aperti a Veronetta

11 e 12 settembre dalle 10:00 alle 18:00

Iscrizione €10, gratuita per bambini fino a 13 anni e disabili e il loro accompagnatore, 6 € per giovani fino a 25 anni.

L’evento interesserà il quartiere di Veronetta a Verona con l’apertura di 28 giardini, cortili e spazi verdi privati e pubblici. L’obiettivo è quello di offrire ai visitatori l’opportunità di scoprire e conoscere la storia degli spazi aperti del quartiere per acquisire consapevolezza sulla ricchezza del territorio e sulla fondamentale funzione del verde nel contesto urbano, in grado di ridurre l’inquinamento e contrastare il cambiamento climatico.
Sarà l’occasione per vedere luoghi poco conosciuti, scoprire angoli e scorci nuovi, vedere cosa c’è dietro un portone sempre rimasto chiuso.
Chi si iscrive alla manifestazione riceve un kit con una mappa aiuterà il visitatore a trovare i giardini selezionati, una piccola guida illustrata che descrive gli aspetti botanici e storici degli spazi visitabili, un braccialetto che gli consentirà di accedere ai giardini aperti per tutte e due le giornate.
Ogni giardino sarà aperto e custodito da volontari, riconoscibili dalla maglietta, che hanno il compito di regolare gli accessi e tutelano lo spazio che ci è stato generosamente affidato dai proprietari.

“Giardini Aperti a Veronetta” è organizzata in collaborazione con il Comune di Verona e la 1 Circoscrizione.
Sono previsti C.F. per gli iscritti agli Ordini degli Architetti (mediante autocertificazione) e degli Agronomi.

maggiori informazioni: https://www.giardiniapertiverona.org/giardini-aperti-a-veronetta-2021/

info e prenotazioni: www.giardiniapertiverona.org

EVENTO: Lessinia

24 – 25 – 26 settembre 

costo da definire in base alla disponibilità dei rifugi e/o alberghi e dei trasporti.
Orientativamente 350 euro vitto escluso – MAX 15 persone – info e prenotazioni: hslarchilab@gmail.com

La Lessinia è un ottimo esempio di paesaggio costruito in luoghi sfavorevoli dal punto di vista climatico, economico e dei collegamenti con la pianura. Si vuole mostrare come in passato le popolazioni residenti in Lessinia, attingendo alle pochissime risorse disponibili, siano riuscite a costruire un paesaggio unico, organizzando la propria vita attraverso una serie di relazioni tra elementi naturali e attività umane del tutto originali nel panorama alpino. Utilizzando sistemi di divisione del lavoro, di relazioni sociali e familiari, hanno plasmato l’architettura ed il paesaggio, al confine con il regno Austro Ungarico, in maniera assolutamente straordinaria.
Si vuole infine portare a visitare interventi di paesaggio contemporanei che fondano le radici negli archetipi tradizionali.
Saranno quasi tre giorni di cammini, pranzi e pernottamenti nelle malghe.

EVENTO: Parco storico di villa Gritti-Briani Moschini a Strà (VE)

25 settembre dalle 10:00 alle 11:30

La settecentesca villa Gritti, sede della RubensLuciano S.p.a., famoso marchio del design calzaturiero, è stata oggetto, tra gli anni 2016 e 2019, di un accurato intervento di restauro che ha coinvolto non solo l’edificio storico, ma anche l’intero parco della “Superba” che lo circonda. Lo studio Agri.Te.co. di Venezia ha assunto come criteri guida del progetto la sostenibilità ambientale, esprimendo una stretta relazione tra la valenza ornamentale e quella ecologico/naturalistica. Lo stesso sistema di gestione delle acque meteoriche, alla luce dei sempre più rilevanti cambiamenti climatici, è funzionale e modulabile a seconda degli eventi meteorici e della loro intensità.

ingresso gratuito – prenotazione obbligatoria a: segreteria.trivenemiliaromagna@aiapp.net

EVENTO: Visita guidata ai giardini e alle architetture del Castello di Thiene

3 ottobre | 10.00 – 11.00 / 11.30 – 12.30 / 14.30 – 15.30 / 16.00 – 17.00

contributo di 20 € – MAX 24 persone – info e prenotazioni: 3356642492 (Pamela Nichele) e 3298541962 (Francesca di Thiene)

Passeggiata alla scoperta del parco del Castello di Thiene accompagnati dalla proprietaria Francesca di Thiene e dalla paesaggista Pamela Nichele; un excursusdel progetto paesaggistico, osservando le specie storiche presenti, e per comprendere le strategie attuate nella cura del verde alla luce dei cambiamenti climatici in atto.

EVENTO: Festival dello sviluppo sostenibile 2021 – L’equilibrio tra uomo e natura per la rigenerazione dell’essere umano

7 ottobre dalle 15:00 alle 19:15

Il convegno chiude le tre giornate della 4° edizione del Festival dello sviluppo Sostenibile, e intende diffondere la cultura della sostenibilità, richiamare l’attenzione nazionale e locale sulle problematiche e le opportunità connesse al raggiungimento degli SDGs di Agenda 2030, contribuendo a portare l’Italia su un sentiero di sostenibilità, e promuovendo un cambiamento culturale e di comportamenti individuali e collettivi.

ingresso gratuito – info e prenotazioni: direttivo@associazioneperlarsi.it

EVENTO: Giardino e vigneto del convento di S. Francesco della Vigna

9 ottobre dalle 15:00 alle 16:00 / dalle 16:30 alle 17:30

contributo di 15 € per soci AIAPP e Wigwam Club – 20 € non soci – info e prenotazioni: prenotazioni.giardinistorici@gmail.com

Fra la laguna nord e la cinquecentesca chiesa sorta su progetto di Jacopo Sansovino e facciata disegnata da Antonio Palladio, vive uno spazio di meditazione che affonda le sue radici nelle lontane origini di Venezia. Si susseguono silenziosi chiostri, la ricchissima biblioteca, l’Istituto di Studi Ecumenici S. Bernardino e l’antico orto di clausura dei frati minori. Dal 2019 gli agronomi dell’azienda vinicola Santa Margherita hanno sostituito le vecchie viti di Teroldego con Glera e Malvasia. Il giardino, purtroppo, è stato fortemente danneggiato dall’ eccezionale acqua alta del 12 novembre 2019. L’evento è organizzato in collaborazione con Wigwam Club Giardini Storici di Venezia

EVENTO: Giardino della Torre e delle piante tenaci

9 ottobre dalle 16:00 alle 17:00, in caso di pioggia il 10 ottobre

Giardino realizzato in condizioni ambientali particolari, studiato per un ridotto consumo idrico.

La Dott.ssa Camilla Zanarotti illustrerà la genesi del giardino, le difficili condizioni ambientali di cui si è tenuto conto per la realizzazione in generale, e le scelte botaniche più idonee alla realizzazione di un giardino a basso consumo idrico. Oltre al giardino vi è un orto coltivato seguendo metodi naturali.

ingresso su prenotazione – contributo libero – info e prenotazioni: camilla.zanarotti@gmail.com

EVENTO: Giardino storico di Palazzo Contarini dal Zaffo

10 ottobre dalle 10:30 alle 11:30, dalle 12:00 alle 13:00

contributo di 15 € per soci AIAPP e Wigwam Club – 20 € non soci – info e prenotazioni: prenotazioni.giardinistorici@gmail.com

I giardini del Palazzo Contarini dal Zaffo con il Casino degli Spiriti, in cui si ritrovavano artisti e letterati, è lambito dalle acque della laguna nord e della Sacca della Misericordia. Era uno dei giardini più estesi e famosi della Venezia rinascimentale per la ricchezza delle invenzioni prospettiche e per il patrimonio di statue. Dopo vicende alterne, palazzo e giardino sono stati divisi fra due istituzioni religiose: la Piccola Casa della Provvidenza Cottolengo e la Casa Cardinal Piazza. Le acque alte e le bufere di bora del 2018 e 2019 hanno procurato molti anni alle piante oltre che alle architetture, che sono state restaurate. L’evento è organizzato in collaborazione con Wigwam Club Giardini Storici di Venezia

 

SEZIONE: TUM – TOSCANA UMBRIA MARCHE

EVENTO: LUMEN! Visita al parco del mensola 2.0

25 settembre ore 16:00

L’area del Parco del Mensola, situato nell’area nord-est del capoluogo fiorentino, è stata soggetta all’intervento di mitigazione del rischio idraulico da alluvione e di tutela e recupero degli ecosistemi e della biodiversità sul torrente Mensola. Ospita oggi un sistema di casse di espansione che si estende per oltre 18 ettari.
La visita svolta durante GePA 2020 ha previsto una passeggiata a tema cambiamenti climatici, durante la quale è stato compreso il funzionamento di questo polo e la sua duplice funzione idraulica e di spazio verde pubblico. Durante questa visita GePA 2021 “Lumen! Visita al Parco del Mensola 2.0” la passeggiata si sposterà nel nuovo polo di sperimentazione culturale per progetti innovativi e di comunità “Lumen”, e si parlerà di come ripartire dal Paesaggio.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: segreteria.tum@aiapp.net

EVENTO: Passeggiata nel Montalbano lungo la via Medicea con guida ambientale

26 settembre ore 10:00

Trekking di difficoltà facile-media della durata di circa 3,5 ore (comprese le soste) per una lunghezza di 4 km (dislivello discesa 200 m, dislivello salita 249 m) con la guida ambientale escursionistica Paolo Gennai.
Il percorso si sviluppa in parte sulla Via Medicea e in parte lungo strade bianche e campestri, in una campagna che reca ancora visibili i segni impressi dalla presenza secolare della fattoria granducale delle Ginestre con la sua organizzazione policolturale mezzadrile e gli interventi di regimazione idraulica conseguenti la particolare morfologia dei luoghi.Particolarmente pregiata la produzione vitivinicola di queste colline dalle quali proveniva il Rosso di Carmignano, uno dei vini di punta che Cosimo III de’ Medici esportava presso le maggiori corti europee.
È obbligatoria la prenotazione entro e non oltre il 19 Settembre 2021. Dopo aver effettuato per e-mail la richiesta di prenotazione si riceveranno informazioni aggiuntive. POSTI DISPONIBILI: 25

Per maggiori informazioni e prenotazioni: n.boccardi@paesaggistipercaso.it

EVENTO: Visita al Monte San Bartolo e Fiorenzuola di Focara

26 settembre ore 10:00

La visita prevede un percorso sul Monte San Bartolo che dalla località Le Logge passa per Fiorenzuola di Focara e permette di raggiungere Castel di Mezzo in circa 50 min (solo andata). La passeggiata/trekking sarà accompagnata da Irene Giorgini, Guida Naturalistica ed Ambientale Escursionistica, che grazie alla sua formazione e conoscenza dei luoghi guiderà i partecipanti alla scoperta delle caratteristiche floristiche, faunistiche e compositive del Parco Naturale Regionale del Monte San Bartolo.
Il percorso prevede che il tragitto venga fatto due volte, in andata e in ritorno, e al ritorno chi vorrà potrà fermarsi a visitare il borgo medioevale di Fiorenzuola di Focara prima di ritornare ai propri mezzi in località Le Logge.

 

 

SEZIONE: LAMS – LAZIO ABRUZZO MOLISE SARDEGNA

 

EVENTO: Visita all’oliveto privato di Marina Fresa, esempio di gestione conservativa

25 settembre ore 11:00

Per maggiori informazioni e prenotazioni: marina.fresa@gmail.com

EVENTO: Gli oliveti terrazzati di Vallecorsa (FR)

25 settembre ore 14:00

Per maggiori informazioni e prenotazioni: barbarainvernizzi@libero.it

EVENTO: Visita al giardino botanico di Capracotta (IS)

26 settembre ore 11:00

Per maggiori informazioni e prenotazioni: a_brignardello@libero.it

 

SEZIONE:  CAMPANIA BASILICATA CALABRIA

EVENTO: I paesaggi dell’anima, da Cristo a Levi

5 settembre ore 16:00

Il percorso si snoda attraverso il centro storico di Eboli (SA) lungo un tragitto che abbraccia virtualmente il periodo  archeologico, storico, e paesaggistico che va dal periodo romano fino alla 2^ guerra mondiale. Si inizia dall’area archeologica romana “Antiche fornaci” con l’annesso parco giardino per arrivare al mulino ad acqua “Due Chiavi”, una volta alimentato dal torrente Tufara. Attraverso i vicoli del recuperato centro storico della città si giunge ai giardini pensili del medievale Palazzo Vacca de Dominicis, recentemente restaurato e sede di eventi e manifestazioni culturali. Passando dalla corte della Chiesa di San Lorenzo, si arriva al Museo Archeologico Nazionale di Eboli e della Media Valle del Sele, MANES, sito nell’antica struttura del complesso monumentale di S.Francesco, un ex convento costruito nel XIII secolo e che ospita numerosi reperti rinvenuti nei territori di Eboli, Campagna e Oliveto Citra dal periodo neolitico superiore fino al V-IV secolo a.C.

La visita si conclude sulla Terrazza Gattapone, un’area rinverdita con essenze mediterranee ubicata nei pressi di Piazza Porta Dogana e prospiciente la casa natale dell’eroe di guerra Vincenzo Giudice insignito di Medaglia d’oro al valor militare alla memoria per il suo sacrificio nel corso dell’occupazione nazifascista.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: francesca.fasanino@gmail.com

EVENTO: Giardini di Grassano

18 settembre ore 10:00

I giardini di Grassano sono i tipici insediamenti ortofrutticoli che sorgono lungo tutto il percorso del fiume Basento. Il fiume che costeggia una delle principali arterie di collegamento tra il nord e il sud della Basilicata. La Basentana, appunto. l’insediamento rurale è baricentrico rispetto alle due province, Potenza e Matera. Dai giardini si accede all’abitato di Grassano. I “giardini” sono la testimonianza del paesaggio rurale storico, e “frutto” delle pratiche rurali tradizionali e secolari. I “Giardini di Grassano” hanno un’ estensione di 250 ettari con particelle di medie dimensioni di circa settemila metri quadrati, di proprietà privata, e coltivati da secoli. Si hanno infatti notizie della loro presenza già
nel XVIII secolo.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: francesca.fasanino@gmail.com
_

EVENTO: Come si adattano gli alberi ai tempi dei cambiamenti climatici

24 settembre ore 11:00

In occasione della donazione di un albero alla Scuola media Tasso, verrà affrontato l’argomento dell’adattamento degli alberi ai tempi dei cambiamenti climatici e la loro migrazione. In collaborazione con il Garden Club Penisola Sorrentina.

Per maggiori informazioni e prenotazioni: vicepresidente@aiapp.net

 

SEZIONE:  PUGLIA

EVENTO: Il giardino nato dall’asfalto: Giardino della Moscatella

25 settembre dlle 16:30 alle 19:30

Filippo Marroccoli guiderà la visita al giardino della residenza botanica, la sua evoluzione da parcheggio a “piccolo paesaggio”. La visita si conclude con un piccolo momento di dibattito e con la descrizione delle tecniche usate per realizzarlo.

Info e prenotazioni: presidente.puglia@aiapp.net

EVENTO: Il giardino storico del Palazzo marchesale di Melpignano: un’esperienza di restauro

26 settembre dalle ore 16:30 alle ore 20:00

In compagnia dei progettisti che hanno curato l’intervento di restauro e rifunzionalizzazione dell’intero complesso monumentale del palazzo Marchesale. Visita del giardino del palazzo, alla scoperta di un luogo straordinario e ricco di storia. Ritrovo alle ore 16:00 presso il Palazzo Marchesale | iscrizioni entro giovedì 23 settembre

info e prenotazioni: presidente.puglia@aiapp.net

 

SEZIONE:  SICILIA

EVENTO: I Musei Viventi – Una visita ai Giardini Reali e l’Orto Botanico dell’Università degli Studi di Palermo

25 settembre dalle 15:30 alle 19:00

Punto di ritrovo: ingresso di servizio del Palazzo Reale, Piazza Indipendenza 1; La visita ai Giardini Reali durerà un’ora, poi andremo a piedi all’Orto Botanico per una visita di 1,5 ore, seguita da un aperitivo. Si consiglia di portare scarpe comode e di consultare i siti di entrambe le strutture (https://www.federicosecondo.org/ e http:// www.ortobotanico.unipa.it/) per le norme di sicurezza e igiene in vigore.

Durante le nostre visite a due dei più importanti “giardini museo” di Palermo, esploreremo come in ciascuno di essi vengono affrontate le problematiche di museologia, ovvero il restauro, la scelte delle collezioni, la manutenzione, la divulgazione pubblica e l’equilibrio fra fruizione e conservazione. Questo tema è particolarmente importante in un momento nel quale la pandemia di Covid-19 ha rinnovato un entusiasmo pubblico per le visite turistiche nei giardini ma ha messo anche a dura prova la loro gestione. Il nostro primo giardino è Palazzo Reale, fra i principali siti turistici della città e anche sede dell’Assemblea Regionale Siciliana, nato nel ‘500 e restaurato nel 2016. La sfida più importante di questo giardino fu mettere in armonia i frammenti di vari momenti storici e stile diversi. Il nostro secondo giardino, l’Orto Botanico degli Studi di Palermo, ha una funzione scientifica, divulgativa e ricreativa dalla sua apertura nel 1795. È una sfida continua tenere in equilibrio questi tre, a volta contrastanti, obiettivi.

Informazione sui costi e prenotazioni per le visite e per la partecipazione all’aperitivo entro il 18/09/2021 a segreteria.sicilia@aiapp.net

EVENTO: Visita al parco di Maredolce e presentazione del libro “Il giardino del Mediterraneo. Storie e paesaggi da Omero all’Antropocene” di Giuseppe Barbera

Data e orario da definire

Punto di ritrovo: ingresso del castello di Maredolce vicolo del Castellaccio 21/23 Alla visita del parco del castello, che durerà circa un’ora, seguirà la presentazione del libro di Giuseppe Barbera condotta da Antonella Bondì.

La Fawwara (getto d’acqua, sorgente ribollente), nota anche come Maredolce è il più antico tra i parchi normanni palermitani, veri e propri elementi ordinatori del paesaggio, che replicano il modello orientale, favorendo il mantenimento del sistema agricolo di epoca araba. Il castello, costruito dall’emiro Kalbita Gia’far come dimora suburbana, è situato alle pendici del Monte Grifone, nella periferia sud di Palermo, oggi quasi nascosto alla dalle costruzioni che lo circondano e ad opera di Ruggero II divenne uno dei “solatii regii”, i luoghi di delizia dei sovrani normanni. L’edificio fu impreziosito con la creazione di un lago artificiale, al centro del quale sorgeva una piccola isola, oggi prosciugato. Acquisito al demanio regionale, la Soprintendenza ai BB.CC. e AA. di Palermo ha condotto un impegnativo restauro del castello avviando anche, un programma di recupero dell’intera area così da poter essere restituita alla pubblica fruizione. Riteniamo sia il contesto più appropriato per presentare libro di Giuseppe Barbera e avere l’occasione di approfondire con l’autore storie di genti che hanno percorso le sponde del Mediterraneo e letture delle dinamiche del paesaggio fino alle sfide poste dall’epoca dell’Antropocene

Informazione sui costi e prenotazioni entro il 28 settembre a segreteria.sicilia@aiapp.net

 

X
- Enter Your Location -
- or -