plan cul gratuit - plan cul bordeaux - voyance gratuite en direct

FORMAZIONE AIAPP

Mediterranea Paesaggi prossimi / Contributi

Convegno  AIAPP | Matera, 10 maggio 2019

In concomitanza con la manifestazione Matera Capitale Europea della Cultura 2019, venerdì 10 maggio 2019, si è tenuto presso il centro culturale di Casa Cava il Convegno AIAPP “Mediterranea – Paesaggi prossimi”.

Il Convegno, strutturato attraverso quattro tematiche principali, ha visto la partecipazione di associazioni, professionisti e rappresentanti delle università. I relatori si sono esposti per mezzo di “lectio magistralis” e panoramiche progettuali.

Di seguito, diviso per tematiche, vi riportiamo una sintesi dei contributi attraverso la quale potrete prendere visione della documentazione raccolta durante il convegno.

 

CAMPAGNA FELIX  – Introduzione di Francesca Neonato

“I paesaggi rurali esprimono molto bene la situazione odierna di incertezza, trasformazione sociali ed economiche. Attraverso una narrazione di esempi virtuosi o problematici , verranno raccolti e presentati i progetti di paesaggio attorno alle agricolture mediterranee, minacciate dai cambiamenti climatici dell’abbandono, mutevoli e al tempo stesso identitarie.”

Piero Bevilacqua  

Storico, scrittore e saggista

Il paesaggio della biodiversità e i sitemi agrari Italiani

Giuseppe Barbera  

Professore ordinario di colture arboree, Università di Palermo

Antropocene e paesaggi rurali

Tessa Matteini

Professore associato di Architettura del Paesaggio

Coltivare i luoghi storici. La dimensione mediterranea

 

INTELLIGENT WATER MANAGEMENT – Introduzione di Uta Zorzi

“L’acqua è una risorsa che rende un luogo vivibile o meno. Fin dagli albori della civiltà la saggezza delle popolazioni ha saputo rispettare e trattare con intelligenza questo bene prezioso. Invenzioni e tecnologie per la sua gestione si sono trasformate nel tempo per adeguarsi ai cambiamenti della società.  Quali sono attualmente i mezzi a disposizione per salvaguardare questa risorsa rispetto alle sfide climatiche? ”

Jean Marc Bouillon

Paesaggista, fondatore di Takahè Conseil. Membro del Consiglio d’amministrazione  Val’Hor

De l’eau au paysage pour changer nos villes.

Mariavaleria Mininni

Professoressa di Urbanistica e Paesaggio. Dipartimento delle culture Europee del Mediterraneao Università della Basilicata

Panta rei. Storie e paesaggi dell’acqua

Gianni Celestini

Professore associato in architettura del paesaggio, La Sapienza, Università di Roma

Cambia il clima – cambia il progetto di paesaggio?

 

PAESAGGI LUDICI – Introduzione di Maria Cristina Tullio

“Spazi urbani fluidi, catalizzatori di energie multietniche intergenerazionali, per giocare, per esplorare, per muoversi in libertà e sicurezza, per favorire lo sviluppo cognitivo e psico-motorio dei bambini; isole ambientali di controllo microclimatico e qualità dell’aria e dell’acqua; luoghi pensati per rispondere alle aspettative e alle esigenze dei più giovani che sono anche i più vulnerabili: città amiche dei bambini e degli adolescenti e attraverso loro, delle loro famiglie.”

Francesco Tonucci

Pedagogista, ricercatore associato dell’istituto di Scienze e Tecnologie della cognizione del CNR, responsabile del progetto internazionale “La città delle bambine e dei bambini”

Presentazione del libro:  Per una città giocabile

Anna Lambertini

Presidente del corso di Laurea Magistrale in Architettura del Paesaggio, Università di Firenze. Direttore responsabile e scientifico della rivista ADP, Architettura del Paesaggio ”

Invito al gioco. Progettare paesaggi ludici

Manfredi Leone

Professore di Architettura del paesaggio, Università di Palermo. Direttore di LandLabPA

Giocare con il paesaggio

 

IL PROGETTO DI MOBILITA’ DOLCE – Introduzione di Fabio Pasqualini

“La strada è un luogo simbolico che non parla solo dei collegamenti geografici ma che ci racconta di popoli, storie e relazioni. Una cerniera tra paesaggi che costruisce ponti tra le persone, mette in relazione le economie e ci porta a nuove forme di sviluppo. Nell’anno che il MIBAC dedica al turismo lento, si vogliono indagare nuovi punti di vista sul rapporto tra l’istinto primordiale di esplorazione, il paesaggio e le visione contemporanea di mobilità dolce.”

Maurits Lopes Cardozo

Bike-minded Design Consulting B.V. (Urban Innovation and Cycling Infrastructures)

International perspective on design and landascape integration of cycling infrastructures

Giulio Senes

Università degli studi di Milano. Presidente della European Greenways Association

Il progetto di mobilità dolce oltre l’infrastruttura

 

X
- Enter Your Location -
- or -